Stradalarga.com :: - Burini e cappuccini
 Indice del forum    Il cestino    Nuovo Topic   Rispondi    Precedente   Successivo  
Autore  Il cestino   Burini e cappuccini 
RELI
Capo Reparto
Capo Reparto



Registrato: Mar 22, 2008
Messaggi: 368
Località: Germania

MessaggioInviato: Giovedì 01 Ottobre 2009 18:29    Oggetto: Burini e cappuccini

Burini e cappuccini
Caro Montanari, di passaggio a Berlino mi è capitato di fermarmi alla filiale di vendita del caffè Segrafredo, nella stazione della sotterranea nella Friedrichstrasse. Ho chiesto un cappuccino ed il commesso, un giovane turco, mi ha chiesto se lo voglio piccolo o grande. Ho risposto che un “cappuccino grande” non esiste, altrimenti diventa un caffelatte con la schiuma.
Il giovane turco ha tentato di contraddirmi, sostenendo che, visto che era stato alcuni mesi a Siena, sapeva bene che anche in Italia esiste il “cappuccino grande”. Mi sono irritato di fronte a costui (e mi è già capitato di fronte a simili personaggi, che sembra che se danno ragione agli altri ne perdano in virilità). Consiglierei la ditta Segafredo di inserire personale più competente nei suoi punti di vendita, nei quali si possono bere certamente buoni prodotti. Volevo però sentire la Sua opinione, dal giornalista brillante che è.

Ugo Mastrogianni, Heidelberg

Gentile Mastrogianni, intanto mi scuso se abbiamo modificato un paio di righe della Sua lettera, ma vogliamo evitare una qualche guerra con la Turchia. Detto questo, devo darLe ragione, e lo faccio al lume di una qualche esperienza. Per pagarmi gli studi, infatti, ho lavorato a suo tempo come barman a Rimini, a Bologna, a Milano e perfino a Roma, cioè dove si preparano i migliori espresso e cappuccino del mondo. Per il cappuccino occorre circa un mezzo bicchiere di latte o poco più, possibilmente fresco. Si mette in una tazza apposita preriscaldata sulla macchina dell’espresso, si scalda a vapore (facendo attenzione a scaricare prima l’acqua calda dal beccuccio). Scaldando, si fa dondolare la tazza e si inserisce il vapore a colpetti, in modo che si formi in maniera naturale la famosa schiuma. Sopra la quale si versa una tazzina di espresso, così da formare la famosa macchia bruna.

La schiuma non va immessa a cucchiaiate dopo, come invece fanno in molti. Questo dà al cappuccino un gusto vagamente vomitevole. Lo stesso gusto vomitevole lo hanno i cappuccini ottenuti dalla macchine automatiche e predisposte che si trovano oggi presso ogni fornaio. Sono macchine che fanno tutto. Basta spingere un bottone e macinano, miscelano, versano. Le possono usare anche i bambini, ma il risultato è un cappuccino che possono buttare giù solo i palati grossi. Sconsiglio infine la spremuta d’arancia con il cappuccino, perché il latte non lega con l’acido citrico, e in generale c’è rischio di mal di stomaco.

Mentre la stessa spremuta è consigliabilissima con l’espresso. Il cappuccino, infine, a mio avviso, va bevuto senza cacao, affinché non si mescolino troppi aromi insieme, ma su questo punto so che molti discordano. Purtroppo il consumatore tedesco è spesso abituato più a valutare la quantità piuttosto che la qualità, ed a riempirsi lo stomaco piuttosto che a mangiare o bere. Spesso il suo motto è: molto e a buon mercato.

Da qui forse la strategia di chi ha predisposto questi punti di vendita, nei quali si offre appunto il “cappuccino grande”, che, come giustamente dice Lei, altro non è che caffellatte con la schiuma. Per quanto riguarda la virilità, infine, mi creda, il fenomeno che Lei descrive è tipico anche a molti italiani. Per non parlare dei tedeschi. (mau. mont.)


Laughing trovato sul web.
_________________
Scegli il tuo Destino
  Torna in cima
Pagina 1 di 1   Mostra prima i messaggi di:   
  

ERRORE: Non riesco a connttermi a MySQL! Controllare config.php .